DAL NOSTRO
FOODBLOG

Cosa fare a Londra? Mangiare in un igloo sul Tamigi

27 Novembre 2017
cosa fare a londra ifa
Contenuti

Se vi state cervellando su cosa fare a Londra di diverso rispetto al solito, la risposta è presto data: una cena in un igloo riscaldato con vista sul Tamigi.
Si tratta della nuova esperienza da fare nella capitale britannica, una cena un po’ fuori dal comune in un posto davvero unico.
L’atmosfera è delle più romantiche e caratteristiche: in una delle città più belle e interessanti d’Europa, durante uno dei suoi soliti freddissimi inverni, ecco che spuntano degli igloo riscaldati, bolle trasparenti con vista mozzafiato sul Tamigi e sul Tower Bridge.
Il ristorante londinese si chiama “Coppa Club” e riaprirà i battenti il prossimo 21 novembre, dopo che l’idea è stata già sperimentata lo scorso ann con un sold out di prenotazioni tutte le sere e la necessità di rimpolpare il personale con nuove 10 assunzioni.

cosa fare a londra ifa 1

Mangiare in un igloo: l’esperienza da fare a Londra

Ormai andare in un ristorante a cena non vuol dire solo concentrarsi sui piatti e sul servizio, quello che i turisti cercano è un’esperienza unica, spesso data proprio dalla location, decisamente particolare, in cui ci ritrova a cenare.
Gli igloo del Coppa Club sono in PVC trasparenti, con travi di legno e porte scorrevoli. Al loro interno sono arredati con tavolini in legno, lanterne, piante, poltrone e coperte calde, con una illuminazione suggestiva e molto accogliente che richiama una vera e propria casa lappone.
Per comunicare con il cameriere è sufficiente premere un pulsante e per godersi il panorama della Londra storica, basta guardarsi intorno.
Posizionate sulla terrazza, le bolle inaugurate il prossimo 21 novembre saranno in totale sette, di cui tre per ospitare fino a 8 persone e le altre per cene più intime e romantiche.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?