DAL NOSTRO
FOODBLOG

La cucina degli hotel Bulgari nel mondo firmata da Niko Romito

8 Agosto 2017
Cucina Hotel Bulgari
Contenuti

Porteranno la firma del grande chef Niko Romito i menu della cucina degli hotel Bulgari, in occasione delle nuove aperture di ristoranti italiani nel mondo. Il cuoco abruzzese – tre stelle Michelin all’attivo con il Reale di Castel di Sangro, tra i 50 World’s Best Restaurants – si occuperà di una serie di locali per la nota catena di alberghi.
Si comincia a fine settembre da Pechino, poi Dubai a ottobre e, per finire, a dicembre Shanghai: tutti gli hotel Bulgari a 5 stelle avranno un concept ristorativo basato sulla cucina “autenticamente italiana, attualizzata alla luce di esigenze e tecniche contemporanee” – ha spiegato lo chef.

Anche la cucina porterà con sé l’immagine dell’Italia nel mondo, un’identità che è sinonimo di qualità e attenzione al particolare.
A firmare il design degli interni come degli ambienti è l’architetto Antonio Citterio, che ha reso altamente riconoscibili gli spazi, caratterizzandoli con un gusto tipicamente italiano.

La cucina degli hotel Bulgari: il made in Italy del gusto

Il concept gastronomico portato da Romito negli hotel Bulgari si basa fondamentalmente sulle materie prime italiane: prodotti semplici, ingredienti umili, sottolineati in piatti dove trionfa la tecnica e la sapienza del saper cucinare.

Ecco un esempio di menu Bulgari:

  • Brodo purissimo, per iniziare;
  • Antipasto con un grand tour delle regioni d’Italia;
  • Versioni rivisitate della tagliatella al ragù, della cotoletta alla milanese, della pasta spezzata con polpo e patata, del tonno sott’olio e, per finire, del tiramisù.

Insomma, i piatti tipici della cucina italiana saranno protagonisti, ma non pensate che resteranno uguali a se stessi, perché lo chef li ripropone in versioni nuove e accattivanti.

Elemento immancabile nel menu di Romito è il pane, che testimonia una cultura alimentare italiana al 100%. Condimenti e fondi la fanno da padroni: come la grattugiata di parmigiano, il filo d’olio a crudo sul minestrone, o la gocciolatura di aceto balsamico, solo per citarne alcuni.

Il segreto della cucina negli hotel Bulgari? Tecnica, passione e una squadra affiatata

Niko Romito vanta per questo nuovo progetto una squadra di professionisti affiatata e collaudata, selezionata accuratamente dallo stesso chef e imprenditore. I suoi collaboratori, presenti nelle diverse sedi mondiali dei ristoranti extra lusso, provengono tutti dalla sua stessa scuola di pensiero e possono vantare esperienze importanti nel settore.

Si tratta di Diego Ottaviani, già executive chef del Ristorante Italiano a Macau, che curerà la cucina del Bulgari Hotel Pechino; Giacomo Amicucci, classe 1986, già al fianco di Romito proprio al Reale, e che sarà responsabile del Ristorante Bulgari Hotel Dubai; Claudio Catino, classe 1984, in precedenza al Ristorante Berton di Milano, guiderà la cucina della sede di Shanghai.

Per ogni locale Romito ha inoltre selezionato chef, sous chef e pastry chef. Da mesi la squadra di Romito si sta preparando nella creazione dei piatti che faranno parte del menu, improntato a garantire che ogni ospite dell’hotel Bulgari possa vivere a pieno l’esperienza della grande cucina italiana, con le sue atmosfere, la ricercatezza, il benessere e la cultura del mangiar bene: un codice del gusto che fa del nostro Paese uno dei più apprezzati a livello mondiale.

Vuoi lavorare nel settore ristorativo? Scegli il Corso di cucina professionale e il Master in critica enogastronomica organizzati da Italian Food Academy.

Immagine di copertina: lamadia.com

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?