DAL NOSTRO
FOODBLOG

Cucina molecolare: breve lezione sull’antiossidazione.

10 Settembre 2018
cucina molecolare antiossidazione italian food academy
Contenuti
Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

In questo articolo proponiamo una breve lezione di Cucina Molecolare, trattando nello specifico l’argomento dell’ossidazione degli alimenti e dei processi attuabili per contrastarla.  A supportarci è una pagina del Manuale  di Anne Cazor e Christine Liénard, utilizzato anche durante i corsi di Cucina Molecolare di Italian Food Academy.
La Cucina Molecolare è una vera e propria disciplina che rientra nelle scienze degli alimenti e si avvale della tecnologia culinaria e delle conoscenze gastronomiche molecolari per trovare nuove applicazioni nel settore ristorativo.
Un connubio tra arte e tecnica, messo al servizio del gusto. Soprattutto una innovazione che porta alla scoperta di nuovi sapori e nuove sensazioni.

Il fenomeno dell’ossidazione.

L’ossidazione corrisponde all’annerimento che si osserva quando si taglia un frutto o una verdura, o quando questo subisce un urto. In pratica accade che le cellule viventi vengono spezzate e sprigionano enzimi e molecole fenoliche che, una volta entrati in contatto, reagiscono.
Gli enzimi modificano i composti fenolici, producendo composti scuri.
Una sostanza antiossidante, in gradi quindi di contrastare e ridurre questa reazione è l’acido ascorbico, meglio conosciuto con il nome di vitaminaC.

Ricetta e preparazione della Sangria al vino bianco vitaminizzato.

Ingredienti

  • 1 bottiglia di vino bianco secco (sauvignon o verdicchio)
  • 4 gocce d’estratto di menta
  • 3 g di acido ascorbico
  • 50 g di zucchero extrafine
  • 2 mele
  • 1 mango
  • 1 bustina di zucchero vanigliato
  • 2 cl di liquore all’arancia
  • 200 g di fragole
  • 20 cl di limonata

Preparazione

  1. In una grande insalatiera mescolare il vino bianco secco, lo zucchero extrafine, lo zucchero vanigliato, il liquore all’arancia, l’estratto di menta e l’acido ascorbico.
  2. Tagliare la frutta in pezzi, poi aggiungerli alla preparazione a base di vino bianco.
  3. Mettere da parte in frigorifero la sangria e la limonata almeno per 1 ora.
  4. Aggiungere la limonata alla sangria e servire.

La parola chiave: Acido ascrobico.

L’acido ascrobico è l’acido ottenuto per sintesi o da estratto di vegetali. Viene utilizzato per acidificare delle preparazioni e per evitare l’annerimento di frutta e verdura.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?