DAL NOSTRO
FOODBLOG

Food Photography: la luce prima di tutto!

4 Giugno 2018
luce food photography italian food academy 1
Contenuti
Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

Piatti colorati e appetitosi ritratti in foto che sembrano così reali da far venire l’acquolina in bocca solo a guardarli, impiattamenti creativi, cibi succosi, calici che sudano freschezza, dolci coloratissimi che sembrano dire:”mangiami”.
Insomma, l’occhio vuole la sua parte, proprio quando si parla di cibo e la food photography è la forma d’arte visiva che ne esalta le caratteristiche.
Uno degli elementi più importanti e da cui partire per fotografare correttamente un piatto è la luce, in grado di fare o disfare completamente uno scatto, di rendere un piatto semplice una vera opera d’arte, di suscitare in chi guarda sensazioni diverse.

food photography italian food academy 2

1. Primo passo: valutare.

La cosa da fare prima di procedere allo scatto è la valutazione della luce, che sarà effettuata a seconda dello scopo che ci si prefigge. Cosa si vuole trasmettere con la foto? Cosa vogliamo comunicare? Saranno queste osservazioni a muoverci nella scelta del taglio luminoso con cui “racconteremo” il nostro “soggetto”.
Il tipo di luce scelta è funzionale al messaggio che si intende dare: uno stato d’animo particolare, una sensazione che suggerisca freschezza, ad esempio, o naturalezza, eleganza, lusso ecc.

2. Evidenziare.

Questa è una parola che si utilizza molto nella fotografia in genere: scegliere cosa voler evidenziare, quale caratteristica o texture far emergere e su quale aspetto o elemento puntare o soffermarsi dà la possibilità di raccogliere le idee e procedere nella giusta scelta della luce.

luce food photography italian food academy 33. Dall’immagine bidimensionale a una sensazione di realtà.

Quante volte, osservando la foto di un piatto, abbiamo esclamato: “sembra vero!”. Ebbene, è questo uno degli obiettivi ricercati e perseguiti da un food photographer ovvero restituire una sensazione quasi tattile a chi osserva la foto, oltre che trasmettere l’idea dei sapori e degli odori.

Le caratteristiche basilari che deve avere la luce.

Le principali caratteristiche della luce da curare direzione sono direzione e dimensione, quindi diffusione.
Per quanto concerne la direzione, c’è da dire che questa influisce soprattutto sulle ombre, evidenziando o nascondendo le texture e la tridimensionalità dell’oggetto fotografato.
Per quel che riguarda la diffusione, è bene sapere che:

  • Una luce poco diffusa, quindi molto contrastata, crea immagini spigolose;
  • Una luce diffusa restituisce immagini eleganti, morbide;
  • Una luce diffusa, ottenuta sia naturalmente che con una fonte artificiale luminosa, e che ammorbidisce le ombre, permettendo di evidenziare la texture del cibo e la sua tridimensionalità, rappresenta il modo migliore per “raccontare” un piatto in food photography;
  • Numerose sono anche le variazioni alla direzione della fonte di luce, che può mantenersi frontale rispetto l’obiettivo, ma con una rotazione leggermente a destra o a sinistra e da altezza diversa.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?