DAL NOSTRO
FOODBLOG

I gusti più strani di gelato dell’estate 2017

16 Agosto 2017
Gusti di gelato strani
Contenuti

L’estate è voglia di gelato ad ogni ora: dalle gustose creme alle granite alla frutta, è un tripudio di colori e gusti che ammaliano gli amanti dell’ice cream, spesso più adulti che bambini. Ed è anche voglia di provare gusti sempre nuovi e diversi. Ma che direste se vi proponessero un gelato al gusto cannabis? E al gusto patata?
Non è uno scherzo: in un articolo di Focus sono stati raccolti i gusti di gelato più strani al mondo. Ce n’è per tutti!

1. L’All Black ice cream

Un gelato tutto nero, come la pece. Non stiamo parlando del tradizionale gusto al cioccolato, declinato nella sua variante più scura del fondente; si tratta di un gelato proprio nero, al carbone attivo. Se per il mondo del food vale lo stesso principio del fashion, allora non sarà difficile trovare un altro gusto da abbinare all’All Black Ice Cream…il nero, in fin dei conti, va su tutto!

2. Gusto patata

Regno dei gelati alle verdure è il Giappone, dove sta letteralmente spopolando il gelato alla patata dolce o americana.

3. Il gelato al nero di seppia

Chi l’ha detto che il nero di seppia debba essere usato solo per i risotti o le linguine? Adesso arriva anche il gelato al nero di seppia, sempre in Giappone, nell’isola di Hokkaidō, dove si può assaggiare questo stravagante gusto davvero particolare…a prova di palati! Non siete ancora convinti? Allora non lo sarete nemmeno per il gusto alla lingua di mucca, sempre prodotto in terra nipponica.

4. Il cono bastone

Direttamente dalla Corea del Sud, arriva il gelato cono bastone, un gelato servito in un Jipangyi ovvero un involucro di granturco a forma di manico di un bastone che è un antico cibo di strada, oggi trasformato dai gelatai in un cono per gelati.

5. Il gelato ai fagioli

In Malesia è possibile assaggiare il gelato ai fagioli, uno dei dessert più apprezzati, a base di ghiaccio e fagioli rossi, arricchito di semi di palma, mais dolce, gelatina di erba e cubetti di agar agar (gelificante naturale ricavato da alghe rosse).

6. Il gelato all’agnello

Non è certamente un gelato vegano, come quello crudo di cui abbiamo parlato in un precedente articolo, quello che viene servito nella gelateria italiana Morelli’s a Londra. Si tratta, infatti, di un gelato al gusto di interiora di agnello, ripercorrendo un noto piatto tradizionale scozzese, chiamato Haggis. Un miscuglio di culture per un dessert decisamente sui generis. Come sui generis è anche il gelato al gusto foie gras, fatto in Francia ovviamente.

7. I gusti più strani di gelato: il gelato al bacon

Fast food di tutto il mondo tremate! Perchè a breve, per assaggiare del buon e croccante bacon, fresco fresco magari, si andrà in gelateria. Accade, per ora, sul lungomare di Rehoboth nel Delaware (Usa), dove il gelato al bacon è tra le specialità più richieste, soprattutto se declinato nella versione al cioccolato.
Pare che in questo posto sia possibile assaggiare, sempre al gusto di bacon, anche i milkshake, gettonatissimi.

8. Il gelato alla birra

E se vi proponessero un “gelato alla birra”? Non poteva che essere Monaco di Baviera, la sede di questo gelato che è possibile gustare nel mese di settembre in occasione dell’Oktoberfest. Tra i più richiesti, il gusto Guinness che pare si sposi divinamente col gelato al cioccolato. Se la birra non è la vostra bevanda preferita, potete sempre fare un salto in Inghilterra e godervi un buon gelato al gin tonic.

9. Il gelato alla cannabis

Indovinate dove si può assaggiare lo strano gusto di gelato alla cannabis? Ebbene, in Italia! Viene prodotto ad Alassio e Pietra Ligure. E se vi piacciono le piante e i fiori, ecco il gelato alla lavanda, prodotto in Francia.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?