DAL NOSTRO
FOODBLOG

Arte dell’impiattamento: gli errori da evitare per avere successo

15 Aprile 2019
impiattamento italian food academy
Contenuti
Apprendi l’arte dell’impiattamento dai Top Chef Stellati italiani: Felice Lo Basso e Eugenio Boer. Scopri il nostro Corso di formazione: Clicca qui.

Anche l’occhio vuole la sua parte. Ed è per questo che in un settore come quello del food, in continua crescita anche grazie ai numerosi programmi Tv, l’impiattamento ha assunto una certa rilevanza. Il “piatto”, infatti, non deve essere ormai solo buono, ma anche bello da vedere e, nell’era dei social, da fotografare.

Libero sfogo quindi alla creatività degli chef. Senza mai esagerare, però, altrimenti si corre il rischio di presentare un piatto pacchiano e di cattivo gusto. Alla base di un piatto di successo ci deve essere semplicità e qualità, con l’attenzione concentrata sulla pietanza e non sui decori.

Vediamo quali sono gli errori più comuni da evitare, assicurandosi che l’impiattamento rimanga davvero un’arte.

  1. Non esagerare con l’olio: basta un filo a crudo, evitando così di trasformare la pietanza in una zuppa.
  2. Stop al letto di insalata: la verdura fa sicuramente bene alla salute, ma abusarne riempiendo i piatti di “foglie” fa male alla “vista”. Un gioco visto e rivisto, superato, ormai diventato banale.
  3. Solo alimenti commestibili: abbandonate l’idea di riempire i piatti con decorazioni non mangiabili quali fiori, erbette, carta stagnola e rametti vari.
  4. Piatto pulito: regola basilare dell’impiattamento è la pulizia dei bordi dei piatti, eliminando impronte e aloni.
  5. No ai piatti “arcobaleno”: l’impiattamento deve mettere in risalto la pietanza. Meglio quindi un piatto grande e bianco senza decorazioni multicolor, specie se la pietanza è già colorata di suo.
  6. Abbinamenti coerenti: questa è una delle regole più importanti, che vale sia per gli ingredienti, sia per le decorazioni e i colori.
  7. Non esagerare con le decorazioni: è il piatto il protagonista principale, non le decorazioni. Non occupate tutti gli spazi.

Il primo impatto con un piatto è visivo, basta poco, quindi, per rovinare un possibile capolavoro. Regole molto semplici ma che spesso non risultano cosi scontate.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?