DAL NOSTRO
FOODBLOG

L’arte culinaria di Masanori Kono

6 Gennaio 2018
arte culinaria masanori kono italian food academy
Contenuti

Abbiamo visto l’arte culinaria di Dinara Kasko e le sue straordinarie creazioni dolciarie (leggi l’articolo) e ci siamo anche occupati dello human sushi (leggi l’articolo). Oggi vogliamo mostrarvi le ultime sculture zoomorfe di Masanori Kono.Realizzate con ravanelli daikon grattugiati, le sue creazioni sono apprezzate nei nabe, ovvero piatti caldi giapponesi serviti durante i rigidi inverni nipponici.

arte culinaria masanori kono italian food academy 3
La sua arte culinaria si ispira alla kyaraben bento art, alle sue forme stilizzate di animali, per arrivare poi ad uno stile personale, delicato, che ravviva i piatti di colore e movimento, di un’anima tutta da guardare e da immaginare.

arte culinaria masanori kono italian food academy 2

Il primo progetto di Masanori Kono prevedeva un orso polare ravanello grattugiato seduto in una pentola fumante di pancetta tritata e cavolo cinese.

arte culinaria masanori kono italian food academy 1
La sua creazione divenne così popolare sulla rete che di lì a poco, Kono ne ha realizzate delle altre. Lama, panda, pecore e tanti altri animali si adagiano sui piatti tra foglie fumanti e altri giacigli colorati, vere e proprie sculture di cibo.
Estro, fantasia, precisione, tecnica e tanta creatività. Quando il cibo diventa arte, quando un piatto racconta una storia.

Scopri il corso di Cucina Giapponese di Italian Food Academy.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?