DAL NOSTRO
FOODBLOG

Porto Cervo Wine & Food Festival 2017

2 Maggio 2017
Contenuti

Manca poco all’inizio della nona edizione della rassegna “Porto Cervo Wine & Food Festival 2017”, l’evento enogastronomico più conosciuto e seguito della Costa Smeralda. Aprirà i battenti il 12 maggio e per tre giorni trasformerà il Cervo Conference Center nel fulcro delle eccellenze gastronomiche e vinicole della Sardegna e non solo.

Degustazioni, showcooking, incontri, conferenze e presentazioni di libri: ce ne sarà per tutti e per tutti i gusti.
Tra gli appuntamenti da non perdere, l’intervento del giornalista Giuseppe Carrus, che parlerà di 15 vitigni autoctoni della Sardegna e l’esibizione dello chef giapponese Hiro che, insieme con l’italiano Alberto Sanna, del ristorante Il Campidano di Samassi e selezionato da Forbes tra gli chef italiani italiani più promettenti, si esibirà in una dimostrazione culinaria entusiasmante.

Gianluigi Bacchetta, direttore dell’Orto Botanico e professore ordinario presso l’Università di Cagliari, parlerà della vite ai tempi dei nuragici e della scoperta del vitigno più antico del Mediterraneo occidentale, mentre a chiudere il programma sarà lo chef e scrittore Leonardo Lucarelli con il romanzo autobiografico Carne Trita, che parlerà della vita in cucina tra grembiuli sporchi di sugo e piani di lavori pieni di farina e coltelli.
Per conoscere il programma nel dettaglio, basta visitare il sito del Porto Cervo Wine Festival.

Scopri i master per Food and Beverage manager di Italian Food Academy. La prossima edizione avrà inizio dall’8 al 13 Maggio 2017 a Milano.

Immagine di copertina da: caladivolpe.com

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?