DAL NOSTRO
FOODBLOG

Stralci di pasticceria giapponese: tra wagashi e cartoon

19 Gennaio 2023
Contenuti

Con una lunga storia e una forte influenza culturale, la pasticceria giapponese offre una vasta gamma di dolci deliziosi. I pasticcini tradizionali, detti anche wagashi, si presentano come autentici gioielli nel proprio scrigno che riflettono tutta l’attenzione giapponese per l’estetica, pur restando vicini al mondo della natura: di fatto, i dolci giapponesi spesso evocano la flora nipponica attraverso i colori, le consistenze e le forme. Per apprezzarne appieno il sapore, è consigliabile accompagnarli con tè verde, più precisamente col matcha, una tipologia in polvere le cui foglie vengono raccolte meticolosamente a mano, per poi essere cotte al vapore e quindi polverizzate attraverso l’utilizzo di mulini in pietra.

Le stagioni dei wagashi

In Giappone è tradizione realizzare per ogni periodo dell’anno, ma in generale per occasioni e occorrenze particolari, dei dolcetti o degli snack speciali, spesso in edizione limitata. Le stagioni e gli eventi legati alla cultura giapponese sono una delle cose che più spesso si ama celebrare: col trascorrere dei mesi, infatti, si nota subito un cambio anche nei supermercati e nei negozi. Tipici, sono proprio i wagashi che s’ispirano al cambiamento delle stagioni: l’intenzione è celebrare la transitorietà e la mutevolezza del tempo in connessione con la natura.
Questi tipici dolci giapponesi sono talmente belli che si può tranquillamente parlare di arte commestibile e, oltre ad essere serviti durante la cerimonia del tè, spesso vengono preparati tra le mura domestiche come dolce passatempo.
I ciliegi in fiore sono il simbolo della Primavera in Giappone e anche i wagashi si tingono di rosa e verde per rappresentare questa stagione; tra i più rappresentativi troviamo i sakuramochi, ripieni di marmellata di fagioli azuki e avvolti in foglie di ciliegio, e gli uguisu mochi, palline di pasta di riso ricoperte con polvere dolce, che celebrano la cettia giapponese, un uccellino il cui canto segna l’inizio della bella stagione. Durante la torrida e umida estate giapponese, i wagashi hanno sapori freschi, con colori che ricordano l’acqua. Il colore trasparente viene ottenuto grazie all’utilizzo di agar, una gelatina vegetale ricavata da alghe rosse, che ha un bassissimo apporto calorico. Alcuni dei wagashi estivi più particolari sono i kuzukiri, tagliatelle fredde dolci preparate con farina di maranta da intingere in uno sciroppo di zucchero di canna, e ikingyoku, che rappresentano dei pesci rossi che nuotano in un laghetto. A fare da protagonisti durante la stagione autunnale, invece, sono le castagne, le patate dolci e la zucca. Particolare e tipico è lo tsukimi dango, il wagashi che viene mangiato in occasione delle notti di luna piena, in cui le si offrono doni per portare la buona sorte nella famiglia. Durante l’inverno, infine, molti dei wagashi assomigliano a fiori ricoperti dal ghiaccio, e in occasione della celebrazione del nuovo anno è tradizione consumare i mochi che compongono il Kagami mochi: una decorazione da esporre all’interno della casa durante le prime settimane di gennaio, che il giorno di Capodanno, viene spezzata, cotta e mangiata in aggiunta a una zuppa di fagioli dolci.

Anime e dolci: il modo migliore per unire i fan dei i cartoni agli appassionati di pasticceria

Molti di noi sono cresciuti guardando i cartoni animati giapponesi, incuriositi da quelle strane pietanze, spesso gustate in modo vorace, tanto diverse dalle nostre.Dal riso bianco mangiato voracemente con le bacchette ai soffici dorayaki, dai golosissimi daifuku ai simpatici onigiri: chi, da bambino, non ha mai voluto assaggiare tutti quei piatti che vedeva mangiare con tanto gusto dai propri personaggi preferiti? 
Farciti con la nutella e famosi per essere il piatto preferito di Doraemon, il gattone robot azzurro protagonista del cartone animato omonimo molto amato negli anni 80, i dorayaki sono dei dolcetti giapponesi preparati con un impasto simile a quello del pan di spagna cotto, però in padella, nella forma tonda tipo pancakes. I daifuku, invece, sono morbide polpettine di riso glutinoso e ripiene di anko, la marmellata di fagioli rossi tipica giapponese, ma sono anche tra i dolci preferiti di Bunny, la simpatica protagonista  in Sailor Moon. Infine il burbero cuoco baffuto Marrabbio di Kiss me Licia mandava in visibilio il gatto Giuliano con le sue polpette, ovvero gli okonomiyaki; e anche una delle eroine di Ranma ½, l’abile Ukyo che si aggira con una spatola gigante, ne è un’ottima cuoca. C’è chi, per ricondurle familiarmente ai piatti occidentali, li chiama pancake, chi frittate, e chi pizza: gli okonomiyaki sono in realtà un piatto a base di verza, uova e farina, cotto alla piastra e decorato con pesce, carne, verdure.

Il Corso di Cucina Giapponese di Italian Food Academy

Sei incuriosito dalla cucina giapponese? Italian Food Academy organizza un esclusivo Corso di cucina giapponese tenuto dal famoso chef Hirohiko Shoda grazie al quale potrai acquisire le tecniche base e avanzate di taglio, preparazione e cottura dei piatti della tradizione nipponica.
Il Corso di cucina giapponese si rivolge a chef e bar manager che vogliono specializzarsi in questo tipo di preparazioni ma anche ad appassionati, dotati di manualità e creatività!

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?