DAL NOSTRO
FOODBLOG

Successo per l’Italia agli Oscar della Gastronomia: vince Massimo Bottura.

20 Giugno 2018
oscar della gastronomia 2018 italian food academy
Contenuti
Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

Massimo Bottura e l’Osteria Francescana vincono il World’s 50 Best Restaurants 2018. Uno degli chef più apprezzati al mondo sale sul podio più ambito. E lo fa per la seconda volta, dopo che già nel 2016 aveva occupato quel posto scintillante.
Il ringraziamento di patron Bottura va, come è dìuopo in questi casi, a tutta la squadra.
Alla cerimonia di premiazione, tenuta al Basque Culinary Center di Bilbao, lo chef ha lasciato la sua personale riflessione sulla necessità di una Cucina più solidale, alla necessità di un cambiamento.
E a seguire, dopo Massimo Bottura, per questa edizione di World’s 50 Best Restaurants, El Celler de Can Roca, Girona (Spagna) e Mirazur, Menton (Francia).
In classifica, anche Niko Romito del Reale di Castel di Sangro, Massimiliano Alajmo de Le Calandre ed Enrico Crippa.

Con un risultato blindatissimo fino all’ultimo, gli oscar della gastronomia sono stati accolti con un grande favore di pubblico, non senza qualche detrattore, che ha non ha mancato di sollevare qualche dubbio sulla trasparenza del meccanismo di voto: 1.040 giudici tra giornalisti, chef, ristoratori ed esperti, divisi in 26 regioni, esprimono 10 preferenze a testa in base al proprio gusto, coprendo poco più di 20 Paesi nei cinque continenti.

Il successo italiano anche con Romito, Crippa e Alajmo.

L’Italia non poteva non distinguersi in questa manifestazione. Riflettori accesi per Massimiliano Alajmo con «Le Calandre», salito dal 29° al 23° posto, Niko Romito, con il «Reale», dal 43° al 36°, ed Enrico Crippa col suo «Piazza Duomo» ad Alba), passato dal 15° al 16° posto.

Vince anche un nuovo modo di concepire la Cucina.

Vince una nuova filosofia in Cucina, quella portata avanti da Bottura con i Refettori, le mense sociali aperte in tutto il mondo, nella consapevolezza che la “grande Cucina” è anche quella che sposa tematiche importanti, attuali e che non è più possibile rimanere ancorati a vecchi schemi, che la contingenza impone di guardarsi attorno.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?