DAL NOSTRO
FOODBLOG

Formaggi e marmellate: guida all’abbinamento perfetto

18 Ottobre 2016
Marmellate e Confetture
Contenuti

Oggi che anche la pizzeria più scalcinata della zona più malavitosa di una città di provincia si sente in obbligo di servire il tagliere dei formaggi insieme ai vasetti di marmellate è diventato necessario, per ogni bon vivant che si rispetti, avere delle nozioni di base per poter abbinare sapori e consistenze. Ed eccoci quindi a svolgere questo servizio pubblico per tutti i nostri lettori.

Il motivo per cui formaggi e marmellate sono diventati ormai una coppia indissolubile è da ricercare nella composizione chimica dei due alimenti. I formaggi sono cibi in cui lo zucchero è praticamente assente, trovano quindi nelle marmellate (in cui lo zucchero è circa il 50% del peso totale) un alimento complementare, che nel nostro palato si traduce in un sapore nuovo, articolato ma equilibrato.

I criteri di base da tenere presenti per realizzare il giusto abbinamento sono due: il tipo di latte usato per il formaggio (vaccino, caprino o di pecora); la sua consistenza (formaggio morbido, stagionato, semiduro, ecc. Più il formaggio è di consistenza morbida e tendente al dolce, più si andrà ad abbinare con marmellate tendenti all’acidulo. Più il formaggio è di gusto deciso, forte e stagionato più la marmellata dovrà essere dolce.

NB: marmellata, confettura e composta non sono sinonimi assoluti, identificano prodotti diversi realizzati in modo diverso con materie prime differenti. Per non introdurre un ulteriore fattore di complicazione da questo momento in poi useremo la parola “marmellata” per indicare tutta questa famiglia di prodotti.

Gli accostamenti migliori

Formaggi a pasta morbida come ad esempio il Brie e il Camembert. Oppure formaggi erborinati come il Roquefort e il Gorgonzola fresco. Anche per i formaggi fatti con latte di capra: marmellata di fichi, di albicocche o di mele.

Formaggi piccanti ed erborinati come il Pecorino Sardo, il Gorgonzola stagionato, il Formaggio di Fossa: marmellata di pesche.

Formaggi freschi a pasta molle come la Ricotta, il Camembert e il Mascarpone: marmellata di arance o di limoni (per i più ardimentosi).

Asiago, Murazzano, Robiola d’Alba: marmellata di fragole.

Robiola di Mondovì, di Roccaverano, di Murazzano: marmellata di mandarini.

Parmigiano Reggiano stagionato lungamente, Pecorino di Pienza stagionato: marmellata di pere.

Formaggi di capra, Robiola di Roccaverano: marmellata di lamponi.

Bra duro, Tuma d’la paja: marmellata di mirtilli.

Burrata, Pont l’Eveque de Normandie, Reblochon: marmellata di amarene.

Senza dimenticare il miele

Per il discorso fatto sulla composizione chimica, non bisogna dimenticare un altro accostamento assai valido, quello con il miele. Da quello di acacia, più leggero, a quello di castagno, più deciso, ogni tipo di miele si sposa bene con i formaggi stagionati a pasta dura.

Fonti: Palatifini.it

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?