DAL NOSTRO
FOODBLOG

Vigilia e Natale alla francese: tre dolci francesi tipici della tradizione

29 Dicembre 2022
Contenuti

Dai profumi di zucchero, bacche di vaniglia, crema chantilly e caramello, alla croccantezza delle sfoglie e delle frolle: i dolci natalizi francesi sono delle vere e proprie golosità, protagoniste della tavola imbandita nella notte più magica dell’anno.
In Francia sono molti i dolci tipici del Natale e cambiano in base alla zona in cui si vive e alle usanze della singola famiglia. Ogni regione, infatti, ha la propria tradizione, e ad esempio, in Provenza esistono addirittura 13 dolci diversi per le festività natalizie, che rappresentano Gesù Cristo e i dodici apostoli.
Adesso apparecchiate la tavola e preparatevi all’esperienza sensoriale più buona di sempre: l’unico obiettivo del nostro viaggio in Francia sarà lasciarsi andare al piacere epicureo e vedere insieme tre dolci imperdibili della pasticceria francese.

Il ‘buche de Noel’, delizia per gli occhi e per il palato

Molto più di un dolce natalizio francese, il Bûche de Noël rappresenta l’emblema di una storia affascinante che in pochi conoscono. Le origini di questo dolce sono antichissime e si rifanno ad una tradizione risalente a più di un millennio fa.
Si narra che, in un tempo lontano, ogni capofamiglia, la sera della Vigilia di Natale, tra profumi di muschio e biancospino e ghirlande appese alle pareti, radunasse la propria famiglia intorno al camino acceso.
Si sceglieva insieme il ceppo di legno più maestoso e dopo averlo decorato con nastri e foglie, e benedetto con olio e acquavite, lo si metteva a bruciare nel fuoco, sotto gli altri pezzi di legno.
Il ceppo doveva continuare a bruciare fino all’Epifania, per 12 lunghi giorni, che simboleggiavano i 12 mesi dell’anno. Il sei gennaio, poi, il capofamiglia raccoglieva i resti del ceppo, che si pensava avessero proprietà magiche, e procedeva con un curioso rituale. Le ceneri venivano sparse nei campi, per favorire il raccolto, aumentare la fertilità di donne e animali e guarire il mal di denti.
La tradizione del ceppo di Natale è stata trasformata in un dolce tipico francese solo in tempi recenti, più precisamente nel 1945. Pur mantenendo intatto l’antico significato simbolico, il popolo d’Oltralpe ha avuto la brillante idea di rendere questo ceppo commestibile, inventando il famoso Bûche de Noël.
Il ceppo portafortuna diventa quindi un rotolo di pasta biscotto, farcito con marmellata e ricoperto da una glassa di cioccolato che simula la corteccia, donandogli il tipico aspetto da tronchetto di legno.
Oggi questo dolce francese di Natale si realizza ancora con la morbida pasta biscotto, a volte aromatizzata al cacao, che grazie alla sua elasticità può essere facilmente arrotolata su se stessa.
Per la farcia, invece, si utilizzano più frequentemente creme al cioccolato, al caffè o al burro al posto della tradizionale marmellata. La copertura è rimasta invariata, anche se sempre più spesso i maestri pasticceri creano nuove versioni, grazie all’aggiunta di frutta fresca, frutta secca o rum.

Croquembouche di Natale, il dolce che scrocchia grazie al caramello

Apoteosi della golosità, scrocchia sotto i denti e si scioglie lentamente in bocca, sommergendo le papille con il suo sapore… il Croquemboche è un dolce francese tipico dei giorni festivi e il suo nome significa letteralmente crocca in bocca. Si tratta di una torre di bignè ripieni e caramellati, bella e buona, tutta da gustare, pezzo dopo pezzo. A codificare la ricetta è stato, all’inizio dell’Ottocento, un vero erudito gastronomico: Marie-Antoine Carême, considerato uno dei più grandi chef e soprattutto pasticceri della storia. Vista la complessità della preparazione, il Croquembouche in Francia è il dolce delle grandi occasioni: matrimoni, battesimi e cresime. Ma ancor più spesso questo dolce viene preparato anche durante le feste natalizie, anche perchè la sua forma ricorda proprio quella dell’albero di Natale. L’importanza di questo dessert è sottolineata anche dalle sue dimensioni, che variano dai venti centimetri fino anche a un metro di altezza.

La Gallette des Rois, la torta dei Re Magi

Le galette des rois è un dolce francese tipico del periodo dell’Epifania. Originario del Nord della Francia, veniva preparato con una galletta di pasta sfoglia, utilizzata come base unica del dolce, che veniva cotta in forno e mangiata così com’è. Le versioni successive prevedono gli stessi dischi di pasta sfoglia cotti al forno, decorati con incisioni e resi più dorati grazie a una leggera spennellata di tuorlo d’uovo sbattuto. Successivamente vi è l’aggiunta di creme, frutta, cioccolato o salsa alle mele, ma la più famosa è sicuramente la crema frangipane, un tipo di farcitura molto simile alla crema pasticciera, facile da fare, ma che si prepara con la farina di mandorle. La tradizione vuole che all’interno della torta venga nascosta una fava o un fagiolo. Durante il taglio della torta, il legume scelto quindi finisce in una delle fette, e la persona alla quale capita è considerata il re della giornata. 

Il Corso di Pasticceria di Italian Food Academy

Nel cuore del capoluogo milanese, Italian Food Academy, ente di formazione nel settore dell’alta cucina, propone un intenso Corso di pasticceria. L’offerta formativa mira a fornire tutte le conoscenze teoriche e pratiche nell’arte pasticcera tra una fase di studio finalizzato al rilascio del Certificato HACCP di 3° livello e una fase di stage per un’esperienza pratica. Il corso, inoltre, permette di acquisire le competenze necessarie per potersi inserire in diversi contesti lavorativi: dai laboratori di pasticceria, a panifici, ristoranti e grandi aziende di produzione e distribuzione del settore dolciario.
Per scoprire tutti i dettagli del Corso di pasticceria a Milano di IFA visita la sezione dedicata!

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?