DAL NOSTRO
FOODBLOG

Cibi giapponesi: la zuppa di miso.

16 Aprile 2019
cibi giapponesi italian food academy zuppa di miso
Contenuti

Delizia per gli occhi e per il palato, la Cucina Giapponese è un perfetto esempio di arte dell’impiattamento, curato in ogni dettaglio, per una resa visiva che ha la stessa importanza dei sapori e del gusto di una ricetta.

Il pesce viene tagliato in modo uniforme, con fettine perfettamente uguali, che sembrano usciti da uno stampo, i rotoli di riso sono disposti simmetricamente nel piatto, i colori sono vivaci e ben accostati per creare armonia visiva. E poi il gusto: i cibi giapponesi sono un trionfo di sapori intensi e delicati insieme, persistenti e unici. Semplicità, freschezza e bontà degli ingredienti sono gli imperativi di questa cucina millenaria, che ha alle spalle anche una precisa filosofia legata all’armonia e all’equilibrio interiore.

Ma qual è un piatto tipico della Cucina Giapponese?

Cibi giapponesi della tradizione: la Zuppa di miso.

La zuppa di miso è uno dei piatti della tradizione e della cultura giapponese. Pare che ogni famiglia abbia e custodisca la propria ricetta, unica e diversa da tutte le altre. Si tratta di un piatto a base di miso, una pasta di soia gialla fermentata con sale marino, a cui si aggiunge il brodo e vari altri ingredienti come tofu, porro, alghe, carote, patate, funghi, cipolla, gamberetti, pesce, etc.
Nota anche come misoshiru, viene consumata soprattutto nei mesi più freddi dell’anno, anche perchè è molto nutriente e leggera, basti pensare che una tazza di zuppa di miso ha solo 84 calorie.
Si tratta di un alimento antichissimo, probabilmente scoperto da alcuni monaci cinesi nel 600-800 a.C. e successivamente, tra il 1200 e il 1300 d.C. importato in Giappone dove divenne un cibo popolare.

Non solo: la zuppa di miso ha anche tanti benefici per la salute. Si dice che la zuppa di miso elimini le energie negative della giornata. Inoltre, mette in circolo milioni di enzimi che aiutano a risolvere i problemi intestinali e l’abbassamento delle difese immunitarie, aiuta a depurare il fegato e migliora lo stato della pelle e dei capelli. Pare, inoltre, che abbia una azione alcalizzante per il sangue, essendo ricca di calcio, magnesio e sodio, ed è consigliata per chi ha un’alimentazione troppo ricca di carne. Il miso è ricco di lattobacilli, enzimi, vitamine e proteine, favorisce un ottimo equilibrio fisico e la zuppa di miso è ricca di ingredienti composti da proteine vegetali e alghe che apportano minerali preziosi.
La zuppa di miso è considerata uno dei piatti più caratteristici della cucina macrobiotica e, consumata regolarmente, si rivela un ottimo integratore alimentare.

Gli ingredienti per una ricetta facile per una persona:
La dose è per una persona:

  • 1 tazza di acqua
  • 1 cucchiaio di miso
  • 1 pezzo di alga Wakame (2cm)
  • 1 pezzetto di zenzero
  • erba cipollina

Anche se gli ingredienti non sono facilissimi da trovare, la preparazione di questa pietanza è facile e veloce e può essere modificata a seconda dei propri gusti e della propria fantasia. Inoltre, è la tecnica di preparazione che può fare la differenza sul risultato finale.

Se vuoi imparare a preparare una vera zuppa di miso e tanti altri cibi giapponesi tipici, scopri il Corso di Cucina Giapponese organizzato da Italian Food Academy e tenuto da chef Hirohiko Shoda.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?