DAL NOSTRO
FOODBLOG

L’ekiben giapponese, un prelibato intervallo che delizia il viaggio

13 Gennaio 2023
Contenuti

Le reti ferroviarie giapponesi sono tra le prime al mondo per densità di passeggeri e il treno è sicuramente il mezzo di trasporto più sicuro, puntuale e confortevole del Paese.
Quasi tutto il territorio è percorso da fitte strade ferrate e, oltre ai celebri Shinkansen, treni ad altissima velocità che rappresentano uno dei più grandi successi tecnologici del Giappone postbellico, c’è una moltitudine di linee minori che per molti giapponesi costituiscono una vera e propria attrazione.
Il viavai tipico delle stazioni e dei treni che pullulano costantemente di persone, ha creato una cultura del cibo completamente nuova, rappresentata dall’ ekiben, termine composto da eki, che significa stazione, e bento, ossia cestino da pranzo.
L’ ekiben è un pasto pronto da consumare durante gli spostamenti: accuratamente imballato, racchiude numerosi piccoli assaggi disposti in modo ordinato. Addirittura, nell’arte del “kyaraben”, i componenti dell’ekiben sono sistemati in modo da raffigurare personaggi di anime, manga e videogiochi; mentre nel metodo di preparazione chiamato “oekakiben” i cibi danno vita a persone, animali, piante, fiori e monumenti. A buon mercato, delizioso e abbondante, questo piatto da apprezzare guardando il paesaggio che sfila di fronte al finestrino, rappresenta un’esperienza autentica.

La nascita dell’ekiben

La pratica dell’ekiben nasce negli anni Settanta dell’Ottocento con lo sviluppo dei tragitti a lunga distanza. In quel periodo, fu inaugurata la prima linea ferroviaria del Giappone, che collegava Tokyo con Yokohama e presto in molti divennero pendolari. A quei tempi, i commercianti vendevano pasti pronti in scatole di legno correndo su e giù per binari affollati e ogni volta che una linea ferroviaria veniva inaugurata in una nuova città, nasceva un nuovo ekiben regionale. La popolarità dei treni crebbe a ritmi esponenziali in tutto il Paese e questa pietanza nelle sue mille varianti, condivise lo stesso destino. Poiché all’epoca i treni “proiettile” ad alta velocità erano fantascienza, i viaggi erano molto lunghi: preparato con ingredienti freschissimi (data anche l’assenza del frigorifero a quei tempi!) l’ ekiben divenne la soluzione ideale per il numero sempre maggiore di giapponesi affamati.

Le diverse varianti di ekiben

Esistono ekiben per tutti i gusti: tra le diverse tipologie di ekiben, due sono le scatole dalla forma più originale, la prima si chiama “hangetsu” ed è a forma di mezzaluna, la seconda è lo “shokado”, un contenitore diviso in quattro scompartimenti delle stesse dimensioni ispirate al recipiente in cui i pittori miscelavano colori e inchiostri. Scopriamo alcuni ekiben particolarmente apprezzati!

·     Shinkansen E7 Eki Bento

Questa tipologia è davvero particolare: è a forma di Shinkansen. Contiene pezzi molto classici, come gli onigiri, pollo fritto, frittelle di gamberetti.

·     Hipparidako Meshi

Questo bento include riso, polpo e verdure, il tutto all’interno di una pentolina di ceramica riutilizzabile. Il nome di questo piatto significa letteralmente “polpo molto richiesto”: la popolarità deriva proprio dalla sua prelibatezza!

·     Moo Taro Bento Mie

Gli amanti della carne di manzo in visita alla prefettura di Mie, non possono non provare il Moo Taro Bento.
Questo pasto, composto da carne di manzo giapponese di prima qualità, riso e verdure, viene servito in un contenitore a forma di mucca che suona quando lo si apre.

·     Daruma Bento Gunma

La bambola Daruma è il simbolo della prefettura di Gunma. Questo tradizionale personaggio ha le sembianze del fondatore del buddhismo zen ed è simbolo di buona fortuna. Il Daruma Bento viene riempito con riso, pollo e verdure locali di Gunma e l’involucro è pensato per poi essere utilizzato come salvadanaio.

Il corso di cucina giapponese di Italian Food Academy

Sei incuriosito dalla cucina giapponese? Italian Food Academy organizza un esclusivo Corso di Cucina giapponese grazie al quale potrai acquisire le tecniche base e avanzate di taglio, preparazione e cottura dei piatti della tradizione nipponica.
Il corso di Cucina Giapponese si rivolge a chef e bar manager che vogliono specializzarsi in questo tipo di preparazioni ma anche ad appassionati, dotati di manualità e creatività.
Richiedi maggiori informazioni!

 

 

 

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?