DAL NOSTRO
FOODBLOG

Corsi di aggiornamento per chef professionisti: un settore in costante crescita

12 Gennaio 2023
Contenuti

Essere dei veri professionisti oggi, in un villaggio globale in continuo cambiamento, significa essere capaci di stare al passo con i tempi. Lo studio e la ricerca, quei pilastri di cui tanto si parla quando si sceglie di intraprendere un percorso in un settore delicato e complesso come quello della cucina, devono restare centrali anche a lungo andare. Dopotutto, il concetto di formazione quando si tratta di corsi di aggiornamento per chef, non tramonta mai, e diventa sempre una leva di successo e di differenziazione tra un professionista ed un altro. Per diventare cuoco professionista l’ingrediente principale è la conoscenza: essere pronto ad esplorare e curiosare oltre la superficie, costantemente, in un campo in continua evoluzione. Nulla si lascia al caso: uno chef in continuo aggiornamento oltre a presentare mise en place ricercate, abbinamenti originali, tradizionali o non convenzionali, è una figura con la passione e la voglia di trasmettere ai clienti i propri ricordi, soddisfacendo quotidianamente le richieste di ognuno di loro.

L’importanza di seguire corsi di aggiornamento per chef

Affermarsi come chef nel campo della ristorazione è una prospettiva allettante che tuttavia prevede un iter i sostanzialmente senza fine. Dedizione, passione, umiltà e perseveranza sono le parole chiave del successo di uno chef, ma la formazione professionale è una componente non affatto trascurabile.

Bonus chef 2023: come e quando fare domanda

Il Bonus chef è un credito d’imposta riconosciuto ai cuochi professionisti di alberghi e ristoranti, dipendenti o a partita Iva, pari al 40% dei costi sostenuti per acquistare beni strumentali durevoli o per partecipare a corsi di aggiornamento professionale strettamente funzionali all’esercizio dell’attività.
Il bonus spetta fino a un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute che dovranno essere effettuate attraverso conti correnti intestati al cuoco che ne fa richiesta e con modalità che consentano al Fisco di verificare la piena tracciabilità del pagamento. La domanda deve essere presentata esclusivamente in via telematica secondo la procedura informatica definita dal MIMIT. È possibile presentare una sola domanda in cui dovranno essere indicati:

  • i requisiti che consentono l’accesso al bonus;
  • l’elenco delle spese sostenute con relativa documentazione giustificativa;
  • i relativi pagamenti tracciati;
  • la prova di essere cuochi dipendenti o titolari di partita Iva che svolgono la loro attività in alberghi o ristoranti.

Il credito d’imposta potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione utilizzando il modello di pagamento unificato F24 in via telematica. A gestire la procedura di verifica ed erogazione dei bonus fiscali sarà il Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

Per il nuovo anno, Il Ministero delle imprese e del Made in Italy ha stabilito che la domanda per il Bonus chef 2023 può essere presentata a partire dalle ore 12.00 del 27 febbraio 2023 fino alle ore 15.00 del 3 aprile 2023.

I corsi di specializzazione Italian Food Academy

Italian Food Academy organizza master e corsi indirizzati a tutti coloro che vogliono conseguire un alto livello di specializzazione nell’alta cucina. I percorsi formativi di Italian Food Academy consentono di acquisire competenze ferrate del settore per poter svolgere al meglio una professione in forte espansione e mutamento.
Per consentire un vero e proprio upgrade per quanto concerne la formazione in cucinaItalian Food Academy ha organizzato una serie di specializzazioni:

  • Corso di specializzazione in cucina molecolare
  • Corso di specializzazione in healthy food e cucine alternative
  • Corso di specializzazione in gelato sushi
  • Corso di specializzazione in glasse a specchio
  • Corso di specializzazione in cucina vegana
  • Corso di specializzazione per coffee specialist
  • Corso di specializzazione in cake design
  • Corso di specializzazione per bar chef

Richiedi maggiori informazioni sui e resta aggiornato con i Corsi di Italian Food Academy!

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?