DAL NOSTRO
FOODBLOG

Milano Wine Week: a ottobre, il vino è di moda!

24 Settembre 2018
milano wine week 2018 italian food academy 1
Contenuti
Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

A Milano, il tempo è scandito in settimane. Dopo la fashion e la design week, come non ricordare la Milano Wine Week 2018.
Il capoluogo meneghino sarà la location perfetta per una delle manifestazioni più attese dell’anno, tutta dedicata al nettare di Bacco. Dal 7 al 14 ottobre, l’evento ospiterà le migliori etichette con le novità del settore, byuer, staekholder, giornalisti e appassionati, pronti a berci su con degustazioni speciali organizzate in ogni angolo della città.

milano wine week 2018 italian food academy

Il miglior vino sarà gustato e descritto grazie anche alle nuove guide per l’anno che verrà. Gli appuntamenti saranno tantissimi e ci sarà solo l’imbarazzo della scelta.
Il quartier generale della Milano Wine Week 2018 sarà Palazzo Bovara dove, oltre alle degustazioni, non mancheranno masterclass, workshop, presentazioni e serate.

Tutta la città sarà partecipe attivamente:

  • In zona di Brera – Garibaldi – Solferino sarà protagonista il Franciacorta Wine District
  • In zona Porta Romana Romana sarà invece abbinata al Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese e al Distretto dei Produttori di Qualità dell’Oltrepò Pavese
  • In tutti quartieri ci saranno ristoranti, enoteche e bar e grandi realtà, come Eataly, Rinascente e SignorVino, che proporranno degustazioni al calice, iniziative a tema e menù abbinati. Ci saranno, poi, cene gourmet e stellate, come ad esempio quella Leggenda Borgogna da Enrico Bartolini al Mudec, riservata a soli 10 fortunati o la Cena Imperiale di Innocenti Evasioni o la Sfida Italia – Francia a Il Luogo di Aimo e Nadia.

I principali appuntamenti della Milano Wine Week 2018.

  • 6 ottobre: preview alle ore 18.30, a CityLife, con un flash mob con le bollicine Trentodoc in Piazza Tre Torri.
  • 7 e 8 ottobre: evento “Bottiglie Aperte”, che a Superstudio Più di via Tortona accoglierà oltre 200 cantine espositrici;
  • 9 ottobre: Wine Business Forum, con circa 100 opinion leader del settore vinicolo italiano, che interverranno sui grandi temi del vino.
  • 11 ottobre: giornata dedicata al Franciacorta con l’edizione milanese del Festival a Palazzo Bovara nel pomeriggio e, parallelamente, il Brian & Barry Building che proporrà degustazioni in tutto il megastore.
  • 14 ottobre: presentazione della Guida di DoctorWine all’Hotel Principe di Savoia.
    Per prenotarsi ad alcuni eventi, basta cliccare su milanowineweek.com

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?