DAL NOSTRO
FOODBLOG

Dolci vegani: l’attenzione puntata sul gelato

29 Maggio 2017
Dolci vegani gelato
Contenuti

Voglia d’estate e voglia di gelato: con l’arrivo della stagione calda – si sa – tutti vanno matti per il gelato, che diventa una tentazione a cui è impossibile rinunciare e, anche per quanto riguarda i dolci vegani dell’estate 2017, l’attenzione è rivolta al Veg Ice Cream ovvero al gelato vegano.
Goloso, buono, anzi buonissimo, il gelato vegano è preparato senza glutine, senza latte o altri di prodotti di origine animale.
Com’è possibile? Scoprilo grazie al corso di pasticceria vegana organizzato da Italian Food Academy, che ti insegna a preparare, in modo professionale, tantissimi dolci vegani da leccarsi i baffi – capaci di lasciare di stucco amici e parenti.

Il gelato crudista di Grezzo RawChocolate

Il primo gelato vegano crudista è stato realizzato a Roma nella pasticceria gelateria Grezzo RawChocolate, che ha pensato di realizzare un prodotto goloso e che fa bene alla salute, perché privo di ingredienti di origine animale come latte e derivati, nonché senza glutine, senza coloranti di ogni sorta e con tanta frutta fresca di stagione.

Questo gelato è uno dei dolci vegani più salutari, ideale per chi vuole gustare questo prodotto tipico della nostra estate senza dover scendere a compromessi etici, senza rinunciare alle proprietà nutrienti della frutta e al gusto, ma soprattutto senza incorrere in allergie di sorta.

 

Il gelato veg è preparato con elementi non sottoposti a cottura e che quindi mantengono inalterate le loro proprietà nutrienti: come il latte di origine vegetale non pastorizzato, che vede l’aggiunta di zucchero di cocco.

Ovviamente il prodotto deve essere consumato in giornata e viene preparato fresco per il giorno successivo: niente di più attento alla salute e quindi di più prezioso per il nostro organismo, oltre che per il palato.

Nel mondo dei dolci vegani: i benefici di un gelato crudo

Il gelato vegano ha numerose proprietà benefiche, tra cui il fatto di contenere vitamine, sali minerali e fibre. Inoltre, lo zucchero di cocco ha un ridotto tasso glicemico, a differenza del tradizionale zucchero bianco raffinato. Il veg ice cream è dunque l’ideale per l’alimentazione dei bambini e per chi segua una dieta ipoglicemica o ipocalorica.

Infine gli ingredienti utilizzati, come frutta fresca, mandorle, nocciole e pistacchi, rendono particolarmente gustoso questo alimento estivo, anzi ne esaltano ancor di più il sapore. Per la serie: coltivare il benessere senza rinunciare a un piacevole peccato di gola!

Scopri anche il corso di cucina vegana di Italian Food Academy.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?