DAL NOSTRO
FOODBLOG

La Ribollita toscana: un capolavoro di gusto e tradizione

20 Ottobre 2023
ribollita-toscana-italian-food-academy
Contenuti

È un vero e proprio capolavoro di gusto e tradizioni culinarie, un piatto che racconta la storia e la vita delle campagne attraverso ogni boccone. La Ribollita è tra i piatti più celebri e apprezzati di una cucina, quella toscana, rinomata e famosa in tutto il mondo per la sua semplicità, autenticità e per l’uso sapiente di ingredienti freschi e di alta qualità. Si tratta dunque di un piatto rustico e saporito che incarna l’anima della cucina contadina toscana.
Ma quali sono le sue origini? E quali i suoi ingredienti chiave?

L’arte del recupero in cucina: storia di una zuppa contadina

La Ribollita ha radici antiche, risalenti addirittura al Medioevo. Pare che il tutto sia nato da una zuppa di recupero che massaie e contadine cucinavano il venerdì, giornata di “magra” per via della povertà e di precetti religiosi, astenendosi così dal consumare carne. A rimanere a disposizione erano principalmente il pane, talvolta recuperato dagli avanzi dalle mense dei nobili, ma anche verdure, erbe selvatiche, legumi, pasta o polenta. A volte era disponibile anche il pesce, per questo, nelle case contadine più povere, era usanza tenere un’aringa essiccata sulla tavola, in modo che i commensali potessero a turno strofinarla sul pane per renderlo più saporito. Venivano dunque preparate il venerdì abbondanti zuppe di verdure e legumi che duravano sino alla domenica e che venivano quindi bollite più volte. Proprio da qui, pare, derivi il termine ribollita, ossia da quella pratica di ribollire il piatto, che veniva consumato per diversi giorni, migliorando il sapore dopo ogni riscaldamento. Questo metodo di cucina riflette l’antica saggezza contadina che non spreca nulla, creando così pasti nutrienti e gustosi anche con ingredienti semplici.
Ma quali sono gli ingredienti principali di ogni buona Ribollita?

Una ricetta semplice e autentica

La Ribollita toscana è a base di verdure, pane raffermo e legumi. Gli ingredienti principali includono cavolo nero (noto anche come cavolo toscano), fagioli cannellini, pomodori, carote, sedano, cipolle e, naturalmente, il pane toscano raffermo. Questi ingredienti si combinano per creare un piatto sostanzioso e ricco di sapori autentici. Inoltre, per rendere il piatto ancora più speziato e saporito, è uso aggiungere timo selvatico, salvia, origano e rosmarino.
Tante sono comunque le varianti di questa pietanza. In ogni caso, la vera ricetta, più vicina alla tradizione, è quella che prevede più ribolliture, almeno due, in modo da renderla ancora più gustosa.
La preparazione della Ribollita è un processo che richiede tempo e attenzione. Inizialmente, si prepara un soffritto con cipolla, sedano e carota, poi seguono i pomodori freschi o pelati. Dopo aver aggiunto i fagioli cannellini lessati e il cavolo nero tagliato a strisce, il tutto viene cotto lentamente fino a creare un brodo ricco e saporito. A questo punto, viene aggiunto il pane raffermo a pezzi, che si scioglie nel brodo, creando una consistenza densa e cremosa. Il piatto viene quindi ribollito, come suggerisce il nome, per permettere agli ingredienti di mescolarsi e sviluppare ulteriori profumi.
Per servire la Ribollita, si consiglia anche di aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva crudo sulla parte superiore del piatto e di accompagnarla con fette di pane toscano abbrustolite. Questo contrasto tra la consistenza cremosa del piatto e la croccantezza del pane crea un’esperienza di gusto unica e appagante.

La Ribollita oggi: una delizia da gustare

Nonostante le sue umili origini, la Ribollita è diventata un simbolo della cucina toscana e una prelibatezza apprezzata da locali e turisti. Ristoranti di alta classe e trattorie tradizionali offrono spesso la Ribollita nei loro menu, celebrando così l’eredità culinaria di questa regione. La Ribollita toscana è molto più di un semplice piatto: è una testimonianza vivente della storia, della cultura e del legame profondo tra la terra e la tavola. Ogni cucchiaiata di Ribollita è un viaggio attraverso il passato, una celebrazione delle tradizioni e un’esperienza di gusto indimenticabile che avvicina le persone alla vera essenza della Toscana.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?