DAL NOSTRO
FOODBLOG

Nello Gatti: l’intervista all’Ambasciatore del Vino e della gastronomia italiana

25 Gennaio 2024
NELLO-GATTI-INTERVISTA-ITALIAN-FOOD-ACADEMY
Contenuti

Nello Gatti, noto come “L’Ambasciatore”, per la sua natura spiccatamente diplomatica, è una figura poliedrica nel panorama enogastronomico italiano. Con radici profonde ad Avellino, Nello Gatti è una personalità unica, con alle spalle una serie di esperienze tra economia, viaggi, e un amore profondo per il vino. Il suo percorso ha attraversato l’Europa, tra Vienna, Spagna e Inghilterra, diventando un ambasciatore non solo per il suo nome, ma anche per la sua dedizione al mondo del vino e della gastronomia.

Formatosi in Economia, il suo vero apprendimento è avvenuto tra le penne, le valigie e i calici. Con un decennio di esperienza nel mondo delle cantine, dei ristoranti, delle fiere e degli importatori, Gatti ha unito la passione per il vino alla sua propensione all’interazione, riuscendo in breve tempo a riunire una community molto interessata intorno a sé.

I Master in Wine Marketing, Critica Gastronomica e Food&beverage Manager di Italian Food Academy

Oltre alla sua carriera individuale, Nello Gatti è anche docente al Master in Wine Marketing, a quello in Critica Gastronomica e al Master per Food&Beverage Manager presso Italian Food Academy. Questi percorsi offrono agli appassionati del settore l’opportunità di approfondire le loro conoscenze nel marketing del vino e nella scrittura gastronomica, fornendo una formazione completa e specializzata.

L’Ambasciatore del Vino incarna l’essenza della passione per il vino e la gastronomia. Attraverso la sua esperienza personale e il suo impegno nel campo della formazione, continua a ispirare e unire gli amanti del buon cibo e del buon vino, con il suo approccio unico e la sua dedizione.

Conosciamolo meglio in questa intervista realizzata per IFA:

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?