DAL NOSTRO
FOODBLOG

Pasticceria Giapponese: i dolci tipici

31 Maggio 2021
Pasticceria Giapponese: i dolci tipici - Italian Food Academy
Contenuti

La pasticceria giapponese è molto diversa dal resto delle pasticcerie del mondo: dolci poco zuccherati, utilizzo di ingredienti di origine vegetale, anche quelli che potrebbero sembrarci insoliti come i fagioli azuki.

Ad un primo assaggio i dolci tipici giapponesi  potrebbero risultare particolari, per i gusti di noi occidentali, ma superato lo stupore iniziale, possono riservare delle (è il caso di dirlo) dolci sorprese.

La tradizione dei dolci nipponici, da servire rigorosamente durante la cerimonia del tè, viene chiamata Wagashi e, in questo caso, le prelibatezze vengono servite in mono-porzioni.

Cominciamo il nostro viaggio nel mondo della pasticceria giapponese, scoprendo le peculiarità di una tradizione millenaria che differisce molto dalla nostra.

Pasticceria Giapponese: i dolci tipici - Italian Food Academy

I dolci tipici giapponesi

Mochi

A base di riso, assume spesso la forma di un cubo o di una sfera ed è tipico del periodo delle festività legato al capodanno giapponese.

Il mochi viene realizzato durante cerimonia del mochitsuki.

Dango

Una sorta di gnocco preparati con riso e serviti allo spiedo. Tante sono le varianti che si possono realizzare tè verde,sesamo, fagioli azuki. 

Dorayaki

Chiamati anche  pancake alla giapponese, i Dorayaki fanno parte della tradizionale colazione. Si presentano come due tortine di pan di spagna ripiene con un goloso impasto di fagioli azuki e zucchero.

Tayaki

Un dolcetto a forma di pesce che si può gustare ricoperto di cioccolato, crema o salsa di fagioli.

Manju

Sono dolci cotti al vapore, ripieni di anko, che spesso richiamano le forme di divertenti animaletti colorati.

Anmitsu 

Gelatina con pezzi di frutta realizzata con l’agar agar, gelificante naturale estratto dalle alghe, servita con fagioli o piselli, frutta fresca e uno sciroppo scuro chiamato mitsu.

Anpan

Creato da un ex samurai, prende le sembianze di un panino dolce farcito con ripieni diversi.

Castella

Una versione ultra soffice della sponge cake di forma rettangolare e realizzata con farina, uova, zucchero, sciroppo di amido.

Chinsuko

Un biscotto da tè tra i più conosciuti in Giappone.

A base di farina, zucchero e strutto, ne esistono varianti con matcha o sesamo tostato.

Pasticceria Giapponese: i dolci tipici - Italian Food Academy

Yatsuhashi

Una sfoglia fragrante a base di riso, zucchero e cannella. Disponibili anche nella versione con farciture.

Warabimochi

Polpette morbide di riso da guarnire con sciroppi e ingredienti diversi. 

Melonpan

Un impasto di acqua e farina, con uno strato sottile di pasta biscotto aromatizzato al melone. Si trova anche nella variante con goloso cioccolato. 

Sata andagi

Anche in Giappone esistono i dolcetti fritti. Palline di impasto rosolate nell’olio bollente, sono originarie di Okinawa.

Il corso in Cucina Giapponese di IFA 

Il corso in Cucina Giapponese di IFA è una garanzia per tutti coloro che vogliono apprendere i segreti della millenaria tradizione culinaria nipponica

Un programma didattico completo, rivolto ad appassionati e neofiti, che insegna a preparare i piatti tipici della cucina giapponese.

Numerosi sono anche gli sbocchi lavorativi:

  • ristoranti giapponesi
  • ristoranti etnici
  • chef a domicilio
  • sale ricevimenti
  • lounge bar
  • sushi bar
  • società di catering
  • navi da crociera.

Con il corso IFA riceverai anche il Certificato HACCP di 3° Livello, l’attestato privato di frequenza al Corso e l’attestato di Stage rilasciato dalla struttura ospitante.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?