DAL NOSTRO
FOODBLOG

A passeggio tra i sapori natalizi: cibi di strada tradizionali in tutto il mondo

22 Dicembre 2023
cibi-di-strada-natalizi-italian-food-academy
Contenuti

Il Natale è l’occasione ideale se si vuol fare un’esperienza gastronomica legata alla tradizione.

E’ in questo periodo, infatti, che le piazze e le strade di città e borghi si animano di un’atmosfera particolare, resa ancor più caratteristica dai profumi e dai sapori che si sprigionano dalle bancarelle che vendono ogni sorta di leccornia natalizia.

Ma cosa si può assaggiare a Natale, passeggiando tra le strade delle principali città del mondo e dell’Italia?

1. Stollen, Germania 

In Germania, il mercato di Natale è una tradizione radicata. Uno dei cibi di strada più iconici è lo Stollen, un pane dolce ricco di frutta secca, canditi e glassa di zucchero a velo. Questo delizioso dolce è spesso accompagnato da una tazza fumante di Glühwein, il tipico vin brulé tedesco.

2. Tamales, Messico

In Messico, i Tamales sono una delizia diffusa legata alla Natività.. Avvolte in foglie di mais, queste pietanze sono fatte con una miscela di mais e ripiene di carne, salse e spezie. I mercati di strada messicani durante le festività sono pieni di aromi di tamales appena cotti.

3. Taiyaki, Giappone 

In Giappone, il Taiyaki è uno street food popolare durante il periodo natalizio. Si tratta di un dolce a forma di pesce ripieno di una varietà di ingredienti, come pasta di fagioli dolci, cioccolato o formaggio. La sua forma simpatica lo rende un piatto divertente per grandi e piccini.

4. Buñuelos, Colombia

I Buñuelos sono una leccornia natalizia colombiana. Queste sfere fritte di pasta di formaggio e tapioca sono leggere e croccanti. Spesso serviti con una tazza di cioccolato caldo, i Buñuelos sono una delizia che si gusta meglio in strada.

5. Marrons Glacés,  Francia

In Francia, soprattutto a Parigi, durante il periodo natalizio è comune trovare Marrons Glacés. Si tratta di castagne candite ricoperte di uno strato di zucchero trasparente. Questi dolci raffinati sono perfetti per una passeggiata in una fredda sera parigina.

6. Bibingka,  Filippine

Nelle Filippine, il Bibingka è uno dei cibi di strada più amati a Natale. Si tratta di una specie di torta di riso cotta su foglie di banano, spesso guarnita con formaggio, uova sode e cocco grattugiato. La sua consistenza unica e il sapore dolce lo rendono irresistibile.

7. Gingerbread Cookies, Stati Uniti

Negli Stati Uniti, i Gingerbread Cookies sono una tradizione natalizia diffusa. Questi biscotti speziati a base di zenzero, cannella e melassa sono spesso realizzati in forme festive come alberi di Natale, stelle e omini di pan di zenzero. Sono amati sia per il loro sapore che per la possibilità di decorarli in modo creativo.

Cibi di strada natalizi in Italia

Anche in Italia, il Natale profuma di buono. Da nord a sud del paese è un tripudio di eventi e manifestazioni in cui i piatti tipici del Natale, venduti dai chioschi e nei mercatini natalizi, allietano i palati e i cuori di adulti e bambini.

Panettone e Pandoro

Panettone e Pandoro sono i dolci natalizi per eccellenza in Italia. Anche se non sono tecnicamente “cibi di strada”, queste delizie dolci sono onnipresenti durante le festività. E spesso vengono distribuiti nei chioschi di alcune città soprattutto del nord.

Caldarroste

Le caldarroste sono un classico cibo di strada invernale in Italia, e durante il periodo natalizio, è comune trovarle nelle piazze delle città. I venditori ambulanti cuociono le castagne su bracieri aperti, e l’aroma delle caldarroste arrostite riempie l’aria, creando un’atmosfera accogliente e festosa.

Zeppole di Natale

Le zeppole di Natale sono una prelibatezza dolce partenopea che si trova spesso nei mercatini natalizi italiani. Si tratta di frittelle di pasta choux ripiene di crema pasticcera o ricotta e ricoperte di zucchero a velo. Queste deliziose frittelle sono spesso associate alle festività natalizie e sono un must per chi ama i dolci tradizionali.

Struffoli

Restiamo in Campania, con gli struffoli, piccole palline di pasta dolce fritte e poi immerse in miele caldo. Dopo essere state ricoperte di miele, le palline sono disposte a formare una sorta di montagna su un piatto. Gli struffoli sono tradizionalmente decorati con confetti colorati e sono un dolce natalizio diffuso in molte regioni italiane.

Castagnaccio

Il castagnaccio è una torta rustica a base di farina di castagne, acqua, olio d’oliva, pinoli e uvetta. Tipico delle regioni montane, il castagnaccio è spesso considerato un dolce invernale e viene preparato durante le festività natalizie. Le sue origini sono toscane, ma ormai questo dolce è diffuso in molte delle zone appenniniche di Umbria, Piemonte, Liguria, Lazio ed Emilia e Romagna.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?