DAL NOSTRO
FOODBLOG

La Cucina Kaiseki: Un viaggio nell’eleganza e nella raffinatezza della tradizione giapponese

19 Marzo 2024
kaiseki-italian-food-academy
Contenuti

Nel mondo della gastronomia giapponese, poche forme di cucina possono eguagliare l’eleganza e la raffinatezza della cucina Kaiseki

Originaria della tradizione buddista Zen, la Kaiseki non è solo un pasto, ma un’esperienza multisensoriale che celebra l’armonia tra natura, stagioni e sapori. La cucina Kaiseki è molto più di una semplice esperienza culinaria: è un’arte che unisce tradizione, estetica e sapore in un unico piatto. 

Le origini della cucina Kaiseki: dai monasteri alla tavola

La cucina Kaiseki trova le sue radici nei rituali cerimoniali del tè giapponese del XIV secolo, sviluppandosi poi nei monasteri buddisti Zen come parte integrante delle pratiche meditative. Il nome “Kaiseki” deriva dalla pratica di riscaldare le pietre per cuocere il cibo durante le cerimonie del tè. Nel corso dei secoli, la Kaiseki si è evoluta in una forma sofisticata di cucina che riflette l’armonia tra stagioni, territorio e cultura.

I piatti tipici della cucina Kaiseki

La cucina Kaiseki è caratterizzata da una serie di portate preparate con ingredienti freschi e di stagione, presentate con grande attenzione estetica. 

Una tipica cena Kaiseki può includere zuppe, piatti di pesce crudo o cotto, verdure, riso e dessert. Ogni portata è attentamente progettata per stimolare i sensi e offrire un’esperienza culinaria equilibrata e memorabile. I piatti Kaiseki sono un’esperienza multisensoriale che coinvolge non solo il gusto, ma anche la vista e persino il tatto attraverso l’attenzione al dettaglio e alla presentazione.

Uno di questi è il Sakizuke, un antipasto che prepara il palato per il pasto principale. Questo può includere una varietà di piccoli piatti come sashimi, zuppe leggere, insalate o antipasti a base di verdure di stagione.

Il Hassun è un altro elemento distintivo di un pasto Kaiseki, che presenta una selezione di piatti che riflettono la stagione e l’ispirazione creativa dello chef. Questi piatti possono includere pesce, carne, verdure e altre prelibatezze locali, disposte con attenzione su un vassoio per creare una composizione visivamente accattivante.

Uno dei momenti culminanti di un pasto Kaiseki è il Nimono, una zuppa o un piatto bollito che evidenzia la delicatezza e la complessità dei sapori. Questo può includere ingredienti come pesce, carne, tofu o verdure, cotti lentamente in un brodo aromatico fino a raggiungere una consistenza tenera e un sapore ricco.

Il Yakimono è un piatto grigliato che aggiunge una nota di robustezza al pasto Kaiseki. Questo può includere pesce alla griglia, carne marinata o verdure alla brace, servite con salse e condimenti che accentuano il loro sapore naturale.

Il Suimono è una zuppa chiara e delicata che funge da intermezzo rinfrescante tra i piatti più ricchi del pasto. Preparata con brodo di pesce o vegetale e arricchita con ingredienti come alghe, funghi o radici di loto, questa zuppa è un’ode alla semplicità e all’eleganza.

Infine, il Kanmi è il dolce finale che conclude il pasto Kaiseki. Questo può includere una varietà di dessert tradizionali giapponesi come mochi, wagashi (dolci di pasta di fagioli) o frutta fresca di stagione, presentati con grazia e raffinatezza.

Gli chef della cucina Kaiseki

Tra gli chef più rappresentativi della cucina Kaiseki, spicca Yoshihiro Murata, proprietario del celebre ristorante Kikunoi a Kyoto. Murata è rinomato per la sua maestria nell’equilibrare tradizione e innovazione, offrendo ai suoi ospiti un’autentica esperienza sensoriale.

Altri chef di spicco includono Tsuyoshi Iryo di Kichisen e Kunio Tokuoka di Kitcho, entrambi noti per la loro dedizione alla perfezione e all’eleganza della cucina Kaiseki.

E, In Italia, non possiamo non citare il nostro straordinario docente, Satoshi Hazama, del ristorante Hazama di Milano. E’ lui a preparare per i suoi ospiti piatti che sono un vero e proprio viaggio tra i sapori, i colori e i profumi della cucina Kaiseki, utilizzando non soltanto ingredienti tipici della tradizione gastronomica nipponica, ma anche prodotti italiani.

Il suo menù degustativo è percorso raffinato e poetico, che incanta i palati di chi si lascia conquistare da una cultura lontana.

Come diventare uno chef di cucina Kaiseki 

Uno degli elementi imprescindibili per diventare chef di cucina kaiseki è rappresentato dall’ampia formazione e dedizione. Gli chef devono avere una profonda comprensione della cultura giapponese, delle stagioni e degli ingredienti locali. La formazione tradizionale spesso inizia da giovani apprendisti, lavorando sotto la guida di maestri esperti. Oltre alla preparazione tecnica, gli chef Kaiseki devono possedere una sensibilità estetica e una capacità di creare piatti che riflettano l’equilibrio e l’armonia. Non basta saper cucinare le pietanze, è importante trasmettere nel piatto la filosofia della cucina kaiseki, una filosofia che trasmette eleganza, serenità e bellezza. 

Un corso di cucina Kaiseki a Milano

Per apprendere tutti i segreti della cucina giapponese nella sua più alta espressione della Kaiseki, oggi c’è un corso organizzato da Italian Food Academy, tenuto proprio dallo chef Satoshi Hazama.

Il programma del corso è ricco di contenuti che spaziano dallo studio degli ingredienti chiave della cucina giapponese alle cinque tecniche basilari di cottura -Goho Crudo, passando per il taglio, l’affilatura, il lessato, la tecnica di cottura a fuoco lento, il grigliato, la preparazione di salse e marinature, il fritto, la cottura a vapore, fino alla preparazione del riso e del Sushi-Onigiri, della Soba, del Tonkatsu, dei Moci, oltre a un interessantissimo seminario sul sul sakè che comprende anche il sakè food pairing.

Vuoi conoscere nel dettaglio come si articola il corso e le prossime date? Clicca qui

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?