DAL NOSTRO
FOODBLOG

Da Nord a Sud dell’Italia, 6 dolci di Ognissanti

1 Novembre 2017
dolci di ognissanti italian food academy
Contenuti

Chiamatelo Ognissanti e non Halloween, siamo in Italia! Il grido arriva dalla tradizione gastronomica del nostro Paese che non ha nulla a che invidiare e a che spartire con la notte delle streghe d’Oltreoceano e che pure merita attenzione per i costumi, le tradizioni, i riti che da nord a sud del Belpaese arricchiscono di autenticità e sottolineano una identità immanente alla nostra nazione.
Abbiamo voluto fare un viaggio tra queste tradizioni, scegliendo 6 dolci tipici di Ognissanti, che vengono preparati in 5 regioni italiane durante questa ricorrenza.

1. Lombardia: il pan dei morti

Il pane dei morti è il dolce di Ognissanti tipico lombardo e nello specifico milanese, nato sotto la Madonnina.
Si tratta di un dolce preparato con biscotti, amaretti, frutta secca, cannella e noce moscata risalente al 1400.
Alcuni vi aggiungono anche la scorza d’arancio, del cedro candito e lo abbinano a un calice di vin santo.

2. Trentino Alto Adige: i cavalli

I cavalli dei morti sono una tradizione trentina. Si tratta di grosse pagnotte dolci, il cui nome deriva dal culto greco della dea Epona, che accompagnava i morti nell’aldilà.

3. Toscana: il pan coi santi

Il pan coi santi è uno dei dolci di Ognissanti tipici della Toscana: un pan dolce fatto con farina, noci, miele, strutto, uvetta e pepe nero, che viene infornato il 2 novembre e che viene preparato da questa occasione fino alla fine dell’Avvento.

dolci di ognissanti italian food academy 3

4. Campania: O’Morticello

Nella terra del sorriso per eccellenza si trova il dolce di Ognissanti “O’Morticello”, un torrone riproposto in una versione particolare, senza miele, con invece cioccolato con le sue varianti al caffè, al gianduia o alla crema di nocciole. Servito a fette, deve il suo nome alla tipica forma di cassa da morto.

5. La Colva e le fanfullicchie in Puglia

In Puglia, troviamo due dolci tipici: la Colva, diffusa un po’ in tutta la regione e le fanfullicchie, tipiche della zona del Salento.
La Colva è un dolce preparato con grano cotto benedetto durante la funzione religiosa del giorno dei morti, condito con melograno, noci, uvetta, scaglie di cioccolato, il tutto condito con cotto di fichi. Si narra che sia un dolce che trae origini dall’antica Grecia e i suoi ingredienti sono tutti simboli di vita e rinascita.

dolci di ognissanti italian food academy 2
Le fanfullicchie sono delle caramelle, che si preparano con acqua, zucchero e, a scelta, frutta secca, e che vengono distribuite ai bambini all’ingresso dei cimiteri nel giorno in cui con le famiglie si fa visita ai cari estinti.

dolci di ognissanti italian food academy 2

6. Gli ‘nzuddi, le piparelle e i pupi della Sicilia

Regno della pasticceria per eccellenza, in Sicilia per la festa di Ognissanti troviamo due dolci: gli ‘nZuddi (i Vincenzi) catanesi, biscotti fatti con mandorle, farina, miele e cannella, mentre a Messina ci sono le mandorle piparelle, biscotti da inzuppare nel liquore. In tutta la regione, poi, vengono preparati i pupi di zucchero o i panini dolci a forma di mano.

dolci di ognissanti italian food academy 3

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

Logo IFA

Accademia di Alta Cucina e Food Management

FOODBLOG
it_IT

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?