DAL NOSTRO
FOODBLOG

L’arte dell’impiattamento nella Cucina Giapponese.

17 Ottobre 2018
cucina giapponese arte impiattamento italian food academy
Contenuti
Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

La componente estetica è nella Cucina tradizionale giapponese elemento fondamentale al pari dell’equilibrio dei sapori, dell’accostamento degli ingredienti e delle cotture. I piatti del Washoku sono piatti che si devono ammirare prima di essere degustati e tutta la tradizione gastronomica nipponica si fonda sull’aspetto esteriore, che ha una importante funzione di nutrimento spirituale.
La bellezza, l’ordine, l’armonia sono concetti che prima di ogni altro si apprendono quando ci sia avvicina a questo tipo di cucina e si impara la nobile arte dell’impiattamento.

Il vassoio dell’hassun.

Utilizzato nell’impiattamento in Cucina Giapponese è l’hassun, un elegante e raffinato vassoio di forma quadrata, che riesce a contenere anche un numero di porzioni pari al numero dei commensali. Su di esso le pietanze sono disposte in maniera tale da costituire una sorta di spettacolo visivo da qualsiasi postazione lo si osservi.

La teoria dei cinque elementi nella cucina giapponese.

L’hassun è fatto di cedro giapponese e su di esso vengono disposte le portate del pasto seguendo un principio mutuato dalla cultura cinese: quello dello Ying-Yang e dei cinque elementi.

Secondo questa teoria, i sapori sono cinque: dolce, acido, piccante, amaro, salato. E cinque sono i colori: rosso, verde, giallo, nero, bianco e altrettanti sono i metodi di cottura: alla brace, bollitura, frittura, cottura al vapore, crudo. Il tutto si collega anche ai cinque sensi: vista, udito, tatto, gusto e olfatto.

Un piatto di cucina giapponese si può dire completo quando gusto, colore e metodo di cottura si trovano in armonia e non vi è prevalenza di alcuno tra questi elementi.

L’impiattamento.

Se la maggiore differenza tra la cucina occidentale e quella giapponese è nell’impiattamento, si comprende bene come questo aspetto ricopra un ruolo fondamentale.
Una delle disposizioni principali delle pietanze è quella triangolare delle pietanze, che interpreta la stabilità, l’equilibrio. Un equilibrio che può raggiungersi anche attraverso un’asimmetria ragionata.
Importante è il bilanciamento dei cibi e il colore, l’armonia cromatica, lo stimolo visivo.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri master e corsi?

L’eccellenza da oggi conviene di più

Grazie al Bonus Chef puoi ottenere un credito fino ad un massimo di 6.000 euro per le spese sostenute nel 2021 e 2022 per la tua formazione professionale.  

Dal 27 febbraio 2023 sarà possibile presentare domanda al Ministero delle Imprese e del Made in Italy per il Bonus Chef.

CHE COS’É?

Il Bonus Chef 2023 consiste in un credito d’imposta del 40% (fino ad un massimo di 6.000 euro) riconosciuto sulle spese legate al settore della ristorazione a favore dei soggetti esercenti l’attività di cuoco professionista presso alberghi e ristoranti.

PER OTTENERE IL BONUS:

– bisogna aver sostenuto, tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, una o più delle spese ritenute ammissibili al beneficio

– si deve essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;

– i soggetti richiedenti devono essere nel pieno godimento dei diritti civili.

LE SPESE AMMISSIBILI:

– Acquisto di beni strumentali durevoli (macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari, strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione)

– Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

COME FUNZIONA IL BONUS CHEF 2023

Il credito del 40% è utilizzabile in compensazione mediante F24, che andrà presentato all’Agenzia delle Entrate. Il credito è esente da IRPEF e IRAP. 

È possibile, inoltre, la cessione del credito con il trasferimento dell’agevolazione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. 

💬 Serve aiuto?